Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Decrease font size Default font size Increase font size

Liggio il processo se lo fuma

Giornale di Sicilia 8.4.1978

 

Elegante sicuro di sé, volutamente distaccato, è stato il protagonista di una udienza appendice al processo dei 114

Difficile ieri entrare nell'aula della prima sezione della Corte di Appello presieduta dal dottor Mollica (a latere Barreca e D'Antona), protetta da un cordone di agenti e carabinieri, armati di mitra. La presenza di Liggio nell'aula ha indotto i tutori dell'ordine a presidiare anche gli ingressi e la hall al primo piano del palazzo di giustizia. Uno spiegamento di forze insolito, come insolito è stato l'equipaggiamento di militari e agenti.

Luciano Liggio e l'altro imputato, Benedetto La Cara, sono rimasti sorpresi da un simile spiegamento di forze e dall'insistenza con cui fotoreporter e cameramen hanno cercato di riprendere la "scena" del loro ingresso in aula. Entrambi coinvolti nel processo ai 114 della mafia nuovo corso e condannati in primo grado (29 luglio 1974), Liggio a sei anni e mezzo, e La Cara a tre anni, sono arrivati a Palermo per il processo di appello che era stato stralciato dal processo principale. Il boss di Corleone a quell'epoca era ancora latitante e La Cara aveva ricusato il presidente Gristina, per cui venne imputato di oltraggio (il processo è pendente dinanzi al tribunale di Messina).

Liggio, interrogato per la prima volta, in ordine ai 114, ha contestato le accuse. Le ha ritenute una "montatura" del questore Angelo Mangano. Ha negato di conoscere Gerlando Alberti e di essersi mai soffermato a Napoli.

"A Napoli - ha precisato - ci sono stato solo di passaggio. Ma come sono stato a Napoli sono stato anche in molte altre città d'Italia". Liggio ha anche negato la sua amicizia con Frank Coppola, il boss della droga che si sarebbe accordato col questore Mangano per farlo catturare e ha addirittura definito una "disgrazia" la conoscenza con "Frank tre dita", con lui detenuto nel carcere di Bari. Ha ammesso la sua amicizia con Giuseppe Corso junior, che lo avrebbe solo accompagnato, dopo l'uscita da Villa Margherita, da un notaio di Roma per fare una procura generale alla sorella Maria Antonietta.

Anche Benedetto La Cara ha contestato le accuse ed ha sostenuto che a Milano fu vittima di un'aggressione indicando il nome del suo feritore. "Il mio, quindi - ha detto - non è stato un comportamento da mafioso". Ed ha aggiunto: "Io sono uno scrittore anche se non proprio del livello di Leonardo Sciascia ed ho scritto un libro che è stato sequestrato dal giudice genovese Bonetto che conduce l'istruttoria sull'omicidio del procuratore Pietro Scaglione".

Il sostituto procuratore generale Notarbartolo, conclusa l'istruttoria dibattimentale, ha ritenuto Liggio organizzatore, insieme ad altri imputati già giudicati, dell'associazione dei "114" e contestando al boss di Corleone altre aggravanti ha chiesto un aumento di pena; da sei anni e mezzo a otto anni. Per La Cara ha chiesto quattro anni e mezzo di reclusione contro i tre di primo grado.

L'avv. Orazio Campo, primo difensore di Liggio, ha sostenuto la nullità della prima sentenza per violazione dei diritti della difesa. In subordine ha chiesto l'assoluzione piena del suo assistito e, in linea ancora più subordinata, la rinnovazione anche parziale del dibattimento per dare la possibilità a Liggio di dimostrare la sua innocenza.

L'avv. Giacomo Tramonti, per La Cara, ha chiesto l'assoluzione piena e, in subordine, una condanna contenuta nei limiti della detenzione già scontata dall'imputato e la revoca della misura di prevenzione che fa obbligo a La Cara di risiedere a Borgo Vercelli.

La causa è stata aggiornata a lunedì. Luciano Liggio, che aveva bruscamente interrotto il pubblico ministero, durante la requisitoria, per chiedere "da dove nasce la mia notorietà?" (è stato per questo richiamato e ammonito dal presidente Mollica), ha annunciato che alla ripresa non si presenterà in aula. La sentenza si avrà dopo l'arringa del secondo difensore dell'ex primula, avvocato Dino Canzoneri.

App Noma

udc1

www.webzoom.it by Nino Pillitteri