Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Decrease font size Default font size Increase font size

Mario Francese Dossier

Militari e magistrati, due modi di vedere

22 aprile 1979

 

Militari e magistrati, due modi di vedere

Mentre polizia e carabinieri tentavano di individuare le prigioni del prof. Nicola Campisi e dell'esattore Luigi Corleo si accertò che nelle province di Palermo e Trapani si era costituito un clan che aveva in programma una serie di sequestri. Era stata selezionata una rosa di nomi che, oltre a Campisi e Corleo, comprendeva Antonino Fiore nato a Castelvetrano nel 1920 e residente a Menfi, commerciante di tessuti, Andrea Palermo di Partanna residente a Menfi, notaio, Diego Planeta residente a Menfi, possidente e presidente della cantina sociale "Sottesoli" di Menfi.

Da non dimenticare che in quel periodo la mafia aveva subito dei consistenti contraccolpi. In Canada era stato arrestato un fratello del capomafia di Salemi, Salvatore Zizzo, perché trovato in possesso di una grossa partita di droga. A Cittadella si trovò un altro quantitativo di droga nelle mani di Giuseppe Palmeri di Santa Ninfa, socio dello Zizzo.

A Palermo gran parte dei contrabbandieri di sigarette erano stati allontanati dalla città ovvero arrestati in seguito allo scandalo del furto dei 15 MAB nella caserma di Torre del Corsaro. Nei pressi di Roma le forze di polizia sequestrarono in un grande magazzino di Fernando Lena, noto col nome di "Nando", macchinari tipografici per la stampa di falsi traveller cheques. In un angolo fu trovata carta speciale stampata per oltre tre milioni di dollari statunitensi in traveller cheques della Bank of America.

In crisi anche il settore della sofisticazione del vino dopo le operazioni di polizia con cui si scoprì una organizzazione che comprendeva pure il boss di Bagheria, Tommaso Scaduto, riuscito a fuggire dal soggiorno obbligato dell'Asinara.

In crisi anche il vertice della mafia per gli arresti di Luciano Liggio a Milano, di padre Agostino Coppola e dei suoi fratelli a Partitico, di Gerlando Alberti a Napoli.

Si tratta di consistenti contraccolpi che provocano un certo sbandamento nell'"organizzazione" e la ricerca di quattrini da parte di tanti gregari.

Si giunge così alla costituzione di quel clan che è praticamente una nuova "Anonima sequestri" siciliana, a capo della quale secondo voci confidenziali si sarebbe trovato Vito Cordio, 42 anni, figlioccio di Salvatore Zizzo e capo della famiglia mafiosa di Santa Ninfa.

Si tratta di confidenze che si ebbero dopo l'arresto del boss di Partanna (Trapani), Stefano Accardo, un personaggio di primo piano in materia di sequestri, appalti e subappalti nella Valle del Belice, e – quel che più conta – nelle vicende della diga di Garcia. Un aspetto sul quale torneremo.

Subito dopo il sequestro di Luigi Corleo, Accardo fu arrestato perché trovato in possesso di una pistola. Non fu però condannato perché in suo favore testimoniò il maresciallo dei carabinieri Guazzelli, braccio destro del colonnello Russo nel Trapanese. Ci si chiede quale sia stato il prezzo pagato da Accardo per quella testimonianza che gli consentì di tornare libero.

Al quesito non c'è risposta. E' certo che, dopo la scarcerazione di Accardo, scomparve misteriosamente il boss di Santa Ninfa Vito Cordio, l'anima dell'"Anonima sequestri". Ed è anche certo che Accardo in quel periodo si incontrò spesso con il colonnello Russo. Si dice che Corleo sia morto di fame e di sete subito dopo la scomparsa di Vito Cordio perché, dopo la fine del capo, nessun componente del clan avrebbe rifornito di viveri il prigioniero. E' una voce non controllabile che riferiamo per completezza.

I rapporti tra Vito Cordio e Stefano Accardo avevano fatto registrare nell'ultimo decennio profonde spaccature. Cordio aveva cercato di imporre nella zona del Belice la legge del suo gruppo. E si accertò poi che la nuova "anonima sequestri" era composta da "famiglie" di Trapani, Agrigento e Palermo coordinate da Vito Cordio che aveva ottenuto lo "sta bene" della mafia contraria, però, al sequestro Corleo. A questo sequestro la mafia aveva detto "no". Lapidaria, ma anche storica, l'espressione attribuita a Vito Cordio: "A me hanno detto di no per Corleo, ma si sa che loro lo fanno lo stesso".

E di Cordio, probabilmente ritenuto incapace di garantire gli equilibri e l'ordine nella zona, si perdono le tracce.

Proprio nel periodo dei sequestri Corleo e Campisi, un gruppo di forestieri viene ospitato a Menfi nella baracca di un cantiere edile dell'impresa Paralisi. Li ospita Gaspare Biundo, di Partanna, che spesso accompagna gli amici al ristorante "La Fattoria" di Monreale di Settimo Failla.

Le indagini del colonnello Russo portano all'identificazione dei "forestieri". Sono gli evasi Dante Anzi di Roma e Pasquale Bianchini di Albano Laziale: un terzo sarebbe Giorgio Graziani soprannominato "dracula" abitante a Roma in via Genoano 194, dove, nel corso di una perquisizione, vengono trovati due assegni della Banca agricola commerciale di Reggio Emilia, agenzia città Valle Ospizio, entrambi emessi sul conto corrente di Girolamo Scaglione, nato ad Alcamo nel '45 e residente a Reggio Emilia. Sono assegni da uno e due milioni. Si indaga così per scoprire i collegamenti fra "dracula" e Scaglione il quale aveva ospitato alcuni ricercati, compreso Pasquale Bianchini detto "Castrici" e i suoi compaesani Giuseppe Ferro e Giuseppe Renda, ricercati per i sequestri Campisi e Corleo.

Scaglione e il francese

Scaglione in quel periodo conviveva con Marie Pierre Monito, francese che aveva depositato nel '75 diciotto milioni in una banca di Cavirago (Reggio Emilia). Saltarono fuori i rapporti di amicizia di Scaglione con Pietro Salerno, un mediatore di bestiame originario di Pacco (Trapani) dov'era nato nel 1917, che si costruì una villa del valore di cento milioni.

Una svolta nelle indagini si ebbe comunque con il rilascio del professor Nicola Campisi liberato all'alba dell'11 agosto 1975 dopo il pagamento di un riscatto di 700 milioni. La prigionia era durata 41 giorni.

Campisi fu lasciato dai banditi intorno alle 2,30 del mattino alle porte di Sancipirello. Una pattuglia dei carabinieri sorprese una lambretta che procedeva a fari spenti con due uomini a bordo che, vedendo i militari, tentarono invano la fuga. Mentre i carabinieri stavano controllando i documenti, uno dei fermati, poi identificato per Giuseppe Renda di Alcamo, riuscì a fuggire. L'altro, portato alla caserma di Sancipirello, era Giuseppe Filippi, anch'egli di Alcamo.

Secondo le prime testimonianze del professor Nicola Campisi, lo avrebbero accompagnato alle porte del paese due uomini proprio su una lambretta.

L'interrogatorio di Filippi si protrasse a lungo. Passò da una versione all'altra. Disse prima di trovarsi vicino a Sancipirello per comprare della paglia insieme a Giuseppe Renda. Poi sostenne di essere stato fermato da alcuni uomini incappucciati che gli ordinarono di accompagnare il professor Campisi in paese e di averlo fatto soltanto per paura. Ammise, infine, la sua partecipazione al sequestro affermando di essere disponibile per fare recuperare il bottino, nascosto in un casolare di campagna sotto alcune balle di paglia.

Le dichiarazioni di Filippi non furono verbalizzate perché forse i carabinieri avrebbero voluto farlo confessare davanti al sostituto procuratore della Repubblica, Vincenzo Geraci, che conduceva le indagini.

La stessa sera dell'11 agosto, Filippi fu accompagnato in contrada Montagnola di Camporeale. In un casolare di proprietà di Giuseppe Renda, probabilmente la prigione di Campisi. E la mattina del 12 agosto Filippi condusse il colonnello Russo, il maresciallo Scibilia ed altri carabinieri in un suo deposito di paglia, in contrada Canapè, fra Alcamo e Camporeale.

Lì – disse – avrebbero trovato il riscatto nascosto in mezzo alle balle di paglia. Una volta dentro il magazzino, Filippi chiese che gli fossero tolte le manette. Il colonnello Russo si guardò intorno, vide che c'era soltanto una piccola finestra sbarrata da una grata di ferro, e consentì.

Ma, appena libero, Filippi si inerpicò sulla catasta di balle che toccava quasi il tetto, con un colpo di testa fece saltare alcune tegole e fuggì lasciando di stucco i carabinieri che lo riacciuffarono soltanto otto giorni dopo in casa di una sorella ad Alcamo.

Un elemento al quale si diede una grande importanza fu il ritrovamento nel casolare di campagna di Giuseppe Renda dei frammenti di una busta arancione. Ricostruiti, misero in evidenza una scritta: "Ugo Testoni – Sciacca". Il professor Nicola Campisi dilettere con busta arancione indirizzate allo zio Ugo ne scrisse due. Ma a Testoni una delle due lettere giunse dentro una busta aerea con l'indirizzo scritto con un normografo. Da qui la convinzione che i banditi, prima di recapitarla, ne aprirono una e sostituirono la busta. D'altronde lo stesso Campisi riconobbe come sua la grafia dei frammenti di busta arancione trovati nel casolare di Renda. In sede giudiziaria, sulla validità di questa "prova" si è scatenata una schermaglia destinata a far saltare a tempo indeterminato il processo per il sequestro Campisi. Chiese la perizia tecnica e grafica il difensore di Renda, l'avvocato Paolo Seminara.

Un tassello dopo l'altro

I carabinieri un tassello dopo l'altro tentavano di ricostruire il mosaico. Ecco altri elementi ritenuti importanti. L'otto agosto 1975, quaranta minuti dopo mezzanotte, una pattuglia dei carabinieri bloccò sulla strada Montelongo il pregiudicato Giuseppe Ferro di Alcamo. Proprio in quella zona era passato quella sera il padre di Nicola Campisi che avrebbe dovuto consegnare i 700 milioni di riscatto ai banditi, secondo le indicazioni ricevute. Ma l'avvocato Renzo Campisi non incontrò nessuno.

Giuseppe Ferro raccontò ai militari che stava tornando da un suo podere in contrada Pigno e fu rilasciato. Ma i carabinieri non lo persero di vista e, il giorno dopo, lo scoprirono mentre telefonava dal bar Vacano di Alcamo Marina in casa Campisi a Sciacca. Non lo arrestarono subito. Decisero di farlo due giorni dopo quando Ferro era già sparito. La sua presenza, insieme a quella di Renda, sarà poi segnalata a Reggio Emilia in casa di Scaglione e di Salerno.

Al termine delle indagini per il sequestro Campisi i carabinieri denunciarono 20 persone di cui due identificate soltanto con i soprannomi. Di queste ne furono arrestate otto. Ventidue le persone denunciate invece per il sequestro Campisi.

I due processi comunque si dividono non ravvisando né la procura della Repubblica di Marsala, né quella di Palermo, elementi di connessione. Il fascicolo su Luigi Corleo finisce così a Marsala e quello su Nicola Campisi a Palermo.

Un mese dopo la stesura dei rapporti di denuncia si scatena nel palermitano e nel trapanese una guerra spietata fra le cosche implicate nei due sequestri. E' una diretta conseguenza dei primi provvedimenti adottati dalla magistratura di Palermo. Il riferimento corre agli ordini di cattura emessi dal sostituto procuratore Vincenzo Geraci nei confronti di Giuseppe Ferro, Giuseppe Filippi, Giuseppe Renda. Tutti gli altri denunciati dai carabinieri hanno così via libera. Questo tra la fine del '75 e l'inizio del '76.

Dal canto suo, la procura della Repubblica di Marsala il 2 febbraio '76 emette ordini di cattura per associazione a delinquere contro Giovanni Lala, Nicolò Mangiaracina, Silvestro Messina, Angelo Caravà, Gregorio Gulli, Girolamo Scaglione, Salvatore Secolonovo, Mario Stella, Gaspare Biundo, Natale Lala, Leonardo Messina, Antonino Genco, Baldassare Nastasi, Andrea Terranova, Giuseppe Zummo, Silvestro Leopardi, Vittorio Carpino, Giorgio Graziani. Colpiti dai mandati di cattura, inoltre, Vito Gondola, Vito Cordio (scomparso), Antonino Messina, Salvatore Invoglia e Paolo Saladino.

Una selezione

Al termine della prima fase istruttoria si ha però una selezione con la scarcerazione "per mancanza di indizi" di Gregorio Gulli, Girolamo Scaglione, Gaspare Biundo, Natale Lala, Leonardo Messina, Antonino Genco, Andrea Terranova, Giuseppe Zummo, Silvestro Leopardi, Vittorio Carpino e Giorgio Graziani.

Comincia nei giorni in cui questi ultimi tornano in libertà la "guerra" tra le due cosche.

E' il 27 febbraio 1976. In un ristorante di Mazara del Vallo c'è un banchetto. Presenti l'imprenditore di Montevago Rosario Cascio, il suo protettore Stefano Accardo di Partanna, l'ingegner Ero Bolzoni direttore per conto della Lodigiani dei lavori di costruzione della diga Garcia e il geometra Paolo Lombardino, imprenditore edile anch'egli.

Rosario Cascio festeggia così il contratto stipulato con la Lodigiani per costruire il cantiere-operai per la diga e per realizzare la galleria destinata a deviare, fino al termine dei lavori, il corso del fiume Belice. E' un banchetto di cui bisognerà ricordarsi, come punto di partenza, nelle indagini per l'omicidio a Ficuzza del colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo.

L’escalation di don Peppino Garda

8 aprile 1979

 

L'escalation di don Peppino Garda

Luciano Liggio fu arrestato nel suo rifugio di Milano il 4 luglio 1974. Due mesi prima, il 23 maggio, era finito in carcere padre Agostino Coppola, uno degli imputati dei sequestri di Rossi di Montelera e Baroni a Milano, e di Luciano Cassina a Palermo. Non è un caso se, nell'abitazione di don Coppola, furono sequestrati cinque milioni del riscatto Baroni.

Le file della cosca furono decimate da numerosi arresti. E i controlli sulle persone bloccate consentirono di accertare che, oltre ad avere acquistato terreni ed altri beni immobili, Luciano Liggio era anche azionista della "S.p.A. Gulf Italia" di Roma, una società presieduta da Nicola Pignatelli D'Aragona Cortes di Napoli. Si appurò anche che parte del denaro proveniente dal riscatto dei sequestri veniva riciclato da uomini di fiducia nei casinò di Saint Vincent, Montecarlo e Sanremo.

L'arresto di Liggio, Coppola ed altri componenti l'"Anonima sequestri" scoraggiò chi non rimase impigliato nella rete tesa dalle forze di polizia.

Ma i programmi dell'"organizzazione" dovevano essere portati a termine. Molti palermitani del clan lombardo tornarono così in Sicilia pensando già ad altri sequestri, spesso suggeriti più da motivi di vendetta che non da effettive finalità di guadagno. Gli osservatori più attendibili pensano che in alcuni casi il fine sia stato di soddisfare le due esigenze insieme.

Si pensi al sequestro di Franco Madonia, il giovane enologo, nipote di don Peppino Garda, un anziano esponente del vecchio ceppo della mafia tradizionale di Monreale, quella capeggiata dai Minasola, dagli Sciortino, dai Viola, dai Miceli. Nato a Pioppo ed imparentato proprio con i Miceli (sua figlia si è sposata con Baldassare Miceli, erede del vecchio capomafia), don Peppino Garda, che ormai non aveva più interessi nell'edilizia, era proprietario di oltre 300 ettari di terreno in contrada Gammari di Roccamena, in maggior parte trasformata in vigneti.

Un sequestro anomalo quindi quello di Franco Madonia; realizzato quasi "in famiglia". Ma la vecchia mafia rinnegava il clan di Luciano Liggio, Gerlando Alberti e padre Agostino Coppola, personaggi-chiave dell'ala aggressiva e spregiudicata della cosiddetta "mafia nuovo corso".

Franco Madonia fu rapito quasi a mezzogiorno dell'8 settembre 1974. In macchina era diretto verso la fattoria del nonno Peppino Garda dove lavorava, come affittuario, anche suo padre, don Pietro. A mezzo chilometro da Gamberi, subito dopo Roccamena, un'auto strinse quella del giovane enologo. Costretto a fermarsi, Franco Madonia fu rapito dai banditi.

Fu liberato sette mesi dopo, alla vigilia di Pasqua. Riscatto: un miliardo.

Carabinieri e polizia sono convinti che quel sequestro, abbia provocato una lunga catena di delitti. Il primo anello di questa catena di sangue è un duplice omicidio: a Giardinello, alle porte del feudo Piano Zucco dei Coppola, cade sotto i colpi della lupara un "ex" della banda Giuliano, Angelo Genovese, fatto fuori insieme al suo dipendente Michele Ferrara di Prizzi mentre mungevano le pecore. Siamo al 27 gennaio 1975.

Passiamo al secondo anello della "catena", l'assassinio di un altro "ex" affiliato a Salvatore Giuliano, Remo Corrao. Viene ucciso a Monreale il 17 dicembre 1975. Era stato interrogato dai carabinieri sette mesi prima di morire, dopo la liberazione del nipote di don Peppino Garda. In casa di Corrao (via Randazzo 14 a Monreale) i militari sequestrarono fra l'altro una banconota di centomila lire proveniente dal riscatto del sequestro di Luigi Genchini di Milano.

Corrao sostenne che la banconota gli era stata data alla Banca del Popolo di Monreale nel corso di un'operazione finanziaria. Probabilmente era una bugia. E forse, fu poi ucciso per avere offerto la sua collaborazione a don Peppino Garda. Si tratterebbe dello stesso movente per cui i carabinieri spiegano l'omicidio di Angelo Genovese.

Altri due omicidi vengono collegati al sequestro di Franco Madonia, quello di Enzo Giuseppe Caravà, assassinato a Sancipirello l'11 aprile 1976 davanti ad una cantina sociale del paese, e quello di Aloisio Costa, anch'egli ucciso a Sancipirello il 22 gennaio 1977. Non sono pochi i dubbi che il primo dei due delitti sia necessariamente da collegare al sequestro Madonia. Per il secondo appare più verosimile, invece, una relazione con le vendette del "dopo-sequestro Corleo", al quale – secondo gli inquirenti – avrebbe partecipato anche un fratello di Caravà, Angelo, latitante da diversi anni. Per Costa, infine, si è anche fatta l'ipotesi dei contrasti tra cosche dedite alla sofisticazione del vino.

Nella sesta puntata dell'inchiesta torneremo sui delitti provocati dal sequestro Madonia. Per il momento è necessario invece soffermarsi sulla personalità di don Peppino Garda, perché la sua "carriera" è emblematica. Il sequestro di suo nipote è un "sequestro-monstre" proprio perché colpisce un uomo rappresentativo della tradizione che, smaliziato dagli eventi, negli anni sessanta firmò la sua neutralità durante la guerra tra i La Barbera e i Greco.

Garda rivela un certo tipo di mentalità tipica della mafia non denunciando, per esempio, la scomparsa del nipote.

Fu il colonnello Giuseppe Russo, ad una decina di giorni dal rapimento, ad avere la certezza che l'enologo fosse stato sequestro. Ma non trovò alcuna collaborazione nei familiari che, dal canto loro, cercarono ed ebbero contatti con i rapitori.

Furono chiesti in un primo tempo due miliardi di riscatto. Cominciò allora la politica del temporeggiamento e della lesina. Per sette mesi don Peppino Garda è stato così impegnato nelle trattative: 210 giorni caratterizzati da viaggi notturni del padre del giovane enologo, Pietro Madonia, e dell'altro genero di Garda, Baldassare Miceli. Gli itinerari venivano indicati per telefono o attraverso messaggi quasi sempre contenuti in pacchetti vuoti di "Marlboro".

I carabinieri controllavano tutto soprattutto con intercettazioni telefoniche e pedinamenti raggiungendo qualche successo: a volte nelle cabine telefoniche o in una roulotte di corso Calatafimi arrivavano tempestivamente e recapitavano i messaggi dei banditi prima dei familiari di Franco Madonia.

Una notte i carabinieri notarono una "127" rossa avvicinarsi alla roulotte di corso Calatafimi per depositare un messaggio segnalato a Garda con una telefonata intercettata poco prima da un sottufficiale dell'Arma.

Attraverso la targa dell'auto si risalì al proprietario, il gioielliere Mario Martello, con negozio a Palermo in via Aurispa, fratello del latitante Ugo, implicato nell'"Anonima sequestri" di Luciano Liggio.

Dai controlli effettuati dai carabinieri venne fuori un lungo elenco di personaggi sospetti che frequentavano la gioielleria. Eccolo: Biagio Prestigiacomo, Nicolò Salamone, i fratelli Bernardo e Stefano Bommarito, Salvatore Brusca, tutti di San Giuseppe Jato. Poi: Benedetto e Francesco Valenza di Borgetto, Andrea Impastato ed Emanuele Finazzo di Cinisi, Francesco Pastoia, boss di Belmonte Mezzagno, e Antonio Nocera, Luigi Savoca, Francesco Paolo Morello e Stefano Brancato, tutti di Palermo. Si pensò ad una loro partecipazione al sequestro Madonia anche perché facevano una serie di misteriose telefonate da un bar vicino alla gioielleria.

Per trovare la causale del sequestro si è scavato abbastanza nel passato di don Peppino Garda, ex-costruttore edile e proprietario di immense distese di vigneti tra Roccamena e Garcia.

Tra il 1954 e il 1960, venduta a malincuore la casa paterna di Pioppo (tra Monreale e San Giuseppe Jato) dove nacque anche il suo unico figlio maschio Baldassare, "don Peppino" tentò come molti altri la grande avventura edilizia in città.

Era l'epoca in cui, mancando un piano regolatore, si cambiava il volto di Palermo smantellando i fertili giardini della Conca d'Oro per costruire strade dove i palazzi ormai si susseguono uno accanto all'altro, via Sciuti, via Lazio, viale Leonardo da Vinci, via Empedocle Restivo, viale Campania e così via.

Giuseppe Garda fondò la società "Conca d'Oro" con il costruttore Giuseppe Quartuccio e comprò, con l'appoggio della Curia arcivescovile, vaste aree in quella che sarebbe diventata la città-nuova. In società con Garda e Quartuccio, entrò anche Francesco Zummo di Monreale.

I tre il 28 agosto 1963 vendono alla società capeggiata dal capomafia di San Giuseppe Jato, Nicolò Salamone, e comprendente Alberto Beltrame e Giovanni Simonetti anch'essi di San Giuseppe Jato, 2.104 metri quadrati di area edificabile nella zona di Malaspina per 35 milioni. Un affare per la "Conca d'Oro" che aveva acquistato i terreni per un paio di milioni ed un affare per Salomone e soci.

Mentre le "Giuliette al tritolo" segnavano la guerra tra le cosche che operavano in città e nelle borgate, vecchi mafiosi dello stampo di Garda, Salamone, Vassallo, Moncada consolidavano i loro vincoli di amicizia e costruivano le basi della loro immensa fortuna economica.

Garda in questo fu aiutato dalla Chiesa. Don Peppino era riuscito ad accattivarsi le simpatie e la protezione dell'arcivescovo di Monreale donando alla mensa arcivescovile, con atto del 22 maggio 1969 stipulato dal notaio Antonino Leto, 2.090 metri quadrati di terreno dell'ex-feudo Riela, da usare a scopo di culto e da destinare alla costruzione di attrezzature scolastiche. Un atto di riconoscenza per tre anni di "assistenza" fornita dalla chiesa di Monreale alla società "Conca d'Oro" fondata da Garda il 2 marzo 1966 con atto stipulato dal notaio Giuseppe Marsala.

Quartuccio e Zummo non furono i soli soci di don Garda. L'elenco si ampliò abbastanza. Eccolo: Antonino Terranova, Salvatore Moncada, Giacomo Bellomare, Giuseppe Sanseverino, Giuseppe Gorgone di Torretta, Giovanni Simonetti e Nicolò Salamone di San Giuseppe Jato, Alberto Beltrame di Perugia, Giovanni Di Giovanni e il figlio Francesco, Michele Caronia e Gaetano Maniscalco, tutti di Palermo.

Quasi analfabeta, ma eccezionalmente pratico e dotato di formidabile intuito, don Peppino Garda lasciò Palermo per tornarsene a Monreale tra la fine del '68 e l'inizio del '69, cioè quando con la sentenza di Catanzaro, quasi tutti i "114" mafiosi dei gruppi La Barbera e Greco uscirono dalle prigioni. Don Garda aveva previsto (e gli avvenimenti successivi gli hanno dato ragione) che gli "affamati" di Catanzaro avrebbero cercato di recuperare le posizioni perdute durante la carcerazione.

Così "don Peppino" sciolse la "Conca d'Oro" vendendo buona parte degli appartamenti ceh si era tenuto per sé e comprando contemporaneamente quattrocento ettari di terreno incolto nella vallata compresa tra Roccamena e Garcia: un acquisto del valore di 150 milioni che lasciò perplessi gli osservatori, anche perché si tratta di una zona sulla quale allora aleggiava il rischio dell'espropriazione per la costruzione di una gigantesca diga.

Giuseppe Garda non solo acquistò quei 400 ettari, ma fece comprare altri terreni ai suoi più stretti collaboratori. Quasi mille ettari finirono nelle mani di 240 proprietari tra i quali troviamo nomi che vale la pena di ricordare: i Giocondo di Camporeale, Antonino Salvo, Alberto e Luigi Salvo, tutti di Salemi e legati a Luigi Corleo, l'anziano Vito Sacco di Camporeale, parente del più famoso Vanni Sacco, Salvatore Mancuso di Alcamo, già amico di don Vincenzo Rimi e del figlio Filippo, Carmelo Pennino di Corleone, Michele Fundarò di Alcamo, Giuseppina Lo Castro di Salemi, parente dei Salvo e di Corleo, Antonino Terranova, ex socio della "Conca d'Oro", Antonino Vaccaro di Bisacquino, Giuseppe Serradifalco di Roccamena, Michele Sacco di Camporeale, Giuseppe Mancuos di Alcamo, Francesco Candela di Alcamo, Giuseppe Misuraca di Camporeale, Vincenzo Accurso di Camporeale, Salvatore e Francesco Sacco di Camporeale, Vincenzo Ferrara di Alcamo, Giuseppe Tramonti di Roccamena, Antonina Palermo con i mezzadri Giorgio Rausi e Giuseppe Ponzio di Salaparuta, Gaspare Teresi, Giuseppe e Vincenzo Cangelosi di Borgetto, Giuseppe Tritico di Poggioreale, Gaspare Tramonte di Poggioreale, Maria Adragna e Giacomo Trapani di Salemi.

Questi i più grossi tra i proprietari.

Nonostante le voci sulla imminente espropriazione, dall'acquisto della terra incolta alla trasformazione in lussureggianti vigneti il passo fu breve. Non capirono i piccoli proprietari i veri obiettivi della grossa operazione, non capirono né i braccianti né i salariati della terra. I poveri gridarono al miracolo per l'improvvisa trasformazione. E la Regione non lesinò contributi.

I braccianti intuirono i veri obiettivi di questa "corsa alla terra" soltanto alla fine del 1974, quando prese corpo il progetto per l'espropriazione delle terre che avrebbero dovuto fare da letto alla superdiga "Garcia": progetto definitivamente approvato nel 1975 con una previsione di spesa di 17 miliardi da elargire ai proprietari per l'esproprio di terre che, quattro o cinque anni prima, a loro erano costate, complessivamente, meno di due miliardi.

Un vero e proprio "affare" determinato non solo dalla "intuizione" di don Peppino Garda, ma soprattutto dalle complicità che i più grossi acquirenti hanno trovato ad altissimi livelli. Il progetto di espropriazione, non a caso, sembra essere stato approvato su misura.

Quel memoriale promesso da Luciano Liggio

26 marzo 1979

 

Quel memoriale promesso da Luciano Liggio

Carabinieri, polizia, studiosi dei fenomeni mafiosi concordato tutti su un punto: che i sequestri dell'esattore di Salemi Luigi Corleo, preceduto di pochi giorni dal rapimento del professor Nicola Campisi, il sequestro di Graziella Mandalà, moglie dell'ex costruttore Giuseppe Quartuccio, la catena di omicidi intorno a Corleone apertasi nel '75, l'omicidio del colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo, la soppressione di Ignazio Scelta e di Baldassare Garda sono le conseguenze più eclatanti di una guerra tra le due cosche dominanti in Sicilia e, forse, addirittura in tutta la penisola.

La mafia si sarebbe dunque spaccata in due tronconi contrapposti, con caratteristiche e programmi inconciliabilmente diversi. In questa lotta, il primo tenterebbe di conservare posizioni raggiunte in decenni di intensa attività, l'altro gruppo di imporre la sua legge e i suoi sistemi.

Secondo una schematizzazione attendibile, sarebbero queste le due grandi "famiglie" che si contendono il predominoi: la cosca dei cosiddetti "liggiani" e quella dei "guanti di velluto".

La prima programma rapine e sequestri e controlla a livello nazionale il contrabbando di sigarette e di droga: l'altra è composta da mafiosi fedeli ai tradizionali schemi dell'"organizzazione" che, attraverso una serie di società-paravento, hanno indirizzato i loro programmi verso le opere pubbliche finanziate dallo Stato soprattutto nel Mezzogiorno e, in particolare, nella Sicilia occidentale colpita nel '68 dal terremoto. I fondi per la ricostruzione della Valle del Belice hanno fatto gola a tanti uomini direttamente o indirettamente impegnati nella realizzazione di opere stradali, di invasi e dighe.

Vediamo quali sono gli eventi appariscenti che suffragano l'ipotesi dell'esistenza di due tronconi mafiosi in guerra in un vastissimo campo disseminato di morti ammazzati.

Il primo punto determinante è costituito dalla "promozione" di Gaetano Badalamenti, "capo-famiglia" di Cinisi, 56 anni, a "presidente della commissione" dell'organizzazione mafiosa del Palermitano, dopo la morte del boss di Caccamo, Giuseppe Panzeca, deceduto nel suo letto il 31 marzo 1967. Un'elevazione avvenuta secondo un antico rituale mafioso, con la partecipazione dei "capi-gruppo", ognuno dei quali rappresentante cinque "famiglie".

L'altro evento, quasi concomitante, è costituito dalla clamorosa fuga di Luciano Liggio dalla clinica romana del professor Bracci. Accadde il 24 novembre 1969. Trasferito nella casa di cura privata dell'ospedale di Reggio Calabria per essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla vescica. Liggio riuscì poi a dileguarsi sotto il naso degli agenti.

La fuga ha avuto strascichi pesanti. Se ne interessò la commissione antimafia nominata dal Parlamento per studiare il fenomeno mafioso. E se ne occupò il Consiglio superiore della magistratura, nel tentativo di individuare eventuali responsabilità da parte dei magistrati.

Dove si stabilì l'ex primula di Corleone subito dopo la fuga romana e prima del suo arresto avvenuto a Milano, il 4 luglio 1974?

Tentò di stanarlo il colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo, allora comandante del nucleo investigativo di Palermo. Gli diede la caccia seguendo le sue piste finché non riuscì a stabilire la sua presenza in una cittadina della provincia di Palermo tra il 72 e il 73.

Assolto per insufficienza di prove per una serie di delitti al primo processo di Bari, Liggio fu poi scarcerato. Quando seppe della modifica del verdetto in ergastolo al giudizio di appello, non pensò certo a costituirsi.

Avrebbe trovato una rete di protezione idonea per garantirgli una tranquilla latitanza solo in provincia di Palermo dove era già riuscito a nascondersi addirittura per 19 anni al punto da meritarsi l'appellativo di "primula" di Corleone. La sentenza di Bari, come si dice in termini giudiziari, fu resa definitiva dalla corte di Cassazione nel '71: a quel punto per Liggio non restavano alternative alla latitanza.

La conferma della sua presenza nel Palermitano nel maggio 1973 l'ho avuta dallo stesso Liggio. Tramite un vecchio avvocato poi scomparso, Franco Berna, la "primula" preannunciò un suo memoriale che avrebbe anche presentato alla Corte di Assise di appello di Bari, cioè ai giudici che lo avevano condannato all'ergastolo, in modo da chiedere la revisione del processo.

Con tutta probabilità Liggio si trasferì dunque in provincia di Palermo sia per usufruire della "rete di protezione", che per contattare i testi sui quali far leva nella stesura del memoriale.

Il colonnello Russo era convinto che Luciano Liggio si nascondesse a Piano Zucco, in gran parte controllato a quell'epoca dal parroco di Carini, Don Agostino Coppola, e dai fratelli Giacomo e Domenico. Controllato da loro ma di proprietà di Giacomo Chiello, abitante a Palermo in via Libertà, personaggio sotto certi aspetti ambiguo, causa indiretta dell'agguato subito dall'allevatore Francesco Paolo Randazzo il 27 ottobre 1974, rinviato a giudizio nel '77 per contrabbando di sigarette.

Alla fine del '73 Liggio, che nel frattempo era andato spesso a Milano eludendo ogni controllo, cambiò parere. Non pensò più alla revisione del processo di Bari. E a me, che aspettavo il memoriale promesso attraverso l'avvocato Berna, fece sapere che non se ne sarebbe fatto niente e che avrebbe preferito "esser considerato morto".

Si trasferì in quel periodo in Calabria. Lo prova un viaggio nella regione di Don Agostino Coppola, poi implicato nel sequestro dell'ingegner Luciano Cassina. Già a quell'epoca Liggio aveva deciso il suo programma: sequestri di persona e controllo del contrabbando.

Per mimetizzare i veri motivi della sua missione, Don Coppola si fece accompagnare in Calabria da una ragazza che interrogata, ha poi detto di essersi innamorata del sacerdote e, praticamente, di non essere riuscita a conquistare il suo amore.

Dalle Calabrie a Milano: Liggio trovò nella metropoli l'appoggio di Gerlando Alberti, il boss palermitano meglio noto con il nomignolo "'u paccarè".

Ma a Milano Liggio fu poi arrestato perché coinvolto in una eclatante serie di sequestri di persone e condannato a 18 anni di reclusione insieme ad altri siciliani tra i quali spicca padre Agostino Coppola condannato a 14 anni.

Ma perché l'ex primula di Corleone rinunciò alla comoda rete di protezione del Palermitano per trasferirsi nelle Calabrie prima e in Lombardia poi?

Fuggito dalla clinica romana nel novembre '69, Liggio appena giunto in provincia di Palermo strinse un patto di ferro con la mafia di Partinico, San Lorenzo Colli e Borgetto. La sua presenza è documentata da un atto notarile con il quale Liggio, revocando ogni sua precedente decisione, nominò la sorella Maria procuratrice legale di tutti i suoi beni. Non solo ma si è certi che in quel periodo fece consegnare alla sorella 40 milioni per acquistare un feudo in contrada Casale dove già possedeva 9 salme di terra. Per questa operazione Maria Liggio venne incriminata di violenza privata perché, secondo i carabinieri, il feudo sarebbe stato acquistato con l'imposizione e pagato per una somma inferiore al suo valore.

Nel Palermitano, Luciano Liggio raccoglie le istanze della malavita e soprattutto di giovani delinquenti gravitanti nel settore del contrabbando, in quell'epoca attanagliato da una forte crisi. E' soltanto una coincidenza se la cronaca comincia allora a registrare una clamorosa serie di sequestri? Si va dal rapimento dell'industriale Antonino Caruso, sequestrato nella sua fattoria di Salemi il 27 febbraio 1971, a quello di Giuseppe Vassallo (settembre '71), al tentato sequestro di Vincenzo Traina ucciso quella notte d'ottobre del '71 perché resisteva; e si giunge al sequestro di Luciano Cassina avvenuta il 16 agosto 1972.

Il clamore suscitato dai sequestri e, in particolare, da quelli di Vassallo e Cassina, tra i più noti e potenti imprenditori palermitani, non possono non provocare reazioni anche nei tradizionali ambienti della mafia.

Il colonnello Russo viene così a sapere di una riunione della cosiddetta "commissione mafiosa" presieduta da Gaetano Badalamenti. In quell'occasione i "picciotti" erano stati autorevolmente invitati "a smetterla con i sequestri".

Ogni "invito", nel gergo della mafia, è un "ordine" perentorio.

"Se volete dedicarvi ai sequestri", ammonì Badalamenti, "organizzateli fuori dalla Sicilia". Ed aggiunse: "A Palermo non voglio più sentire parlare di sequestri".

Sembra che la decisione del "tribunale della mafia" non sia stata adottata all'unanimità. Avrebbero votato contro i rappresentanti delle "famiglie" di Liggio, Coppola, Scaduto di Bagheria e Gerlando Alberti.

Il gruppo Liggio si trovò così in minoranza. Da qui la decisione di Liggio di trasferirsi in Calabria. Ma prima, acquistò a Vaccarizzo di Catania un agrumeto. Naturalmente non a nome suo. Si servì, come prestanome, di Antonino Quartararo, evaso il primo luglio 1970 mentre si trovava piantonato all'ospedale civico di Palermo.

Anche con la collaborazione dei fratelli Ugone, poi coinvolti nell'"anonima sequestri", Liggio fece costruire su questo terreno una villa a due piani con seminterrato adibito a magazzino. Una villa di oltre 400 metri quadrati.

I carabinieri e la guardia di finanza poi scoprirono che, sotto il pianerottolo principale, proprio a ridosso delle fondazioni, era stata costruita una cella certamente da destinare a prigione per i sequestri programmati dalla cosca in Calabria, in Puglia e nella Sicilia orientale.

Liggio dovette dunque obbedire, per quanto a malincuore alla decisione della "commissione mafiosa" presieduta da Gaetano Badalamenti. Ma era rimasto per tre anni nel Palermitano e aveva avuto modo di rinsaldare i vincoli associativi, oltre che con Gerlando Alberti e Tommaso Buscetta, con quasi tutti i capifamiglia della città, delle sue borgate e della provincia.

Il trasferimento di Luciano Liggio da Palermo in Calabria dev essere avvenuto il 25 febbraio 1974. Quel giorno, alle 13, la polizia bloccò in città, a piazza Scaffa, una "BMW 3000", targata "Napoli 900219". A bordo c'erano Michele Zaza di Procida (indicato nel febbraio '73 da Leonardo Vitale come un gregario della cosca di Liggio), il boss di Villafrati Salvatore Santomauro, Biagio Martello (fratello di Mario, condannato a 15 anni di reclusione nel gennaio '78 per il sequestro di Franco Madonia) e Alfredo Bono di Palermo, fratello di Giuseppe, uno degli imputati al processo dei "114" della cosiddetta "mafia nuovo corso".

Secondo informazioni confidenziali, i quattro che erano armati facevano da scorta ad un'altra auto riuscita a dileguarsi. Fu il colonnello Giuseppe Russo a stabilire che su questa seconda auto si sarebbero trovati Totò Greco l'"ingegnere", Luciano Liggio e Domenico Coppola, fratello di Don Agostino. Fu lo stesso Russo ad aggiungere successivamente il nome di una quarta persona che avrebbe viaggiato con loro: quello di Giovanni La Barbera.

Liggio e i suoi amici prima di partire per la Cabaria avrebbero tentato un vertice di mafia nella borgata di Uditore e, poco dopo, una seconda riunione nel fondo di un avvocato, a Brancaccio-Roccella: cioè dove – secondo le dichiarazioni di padre Giovanni Ajello, incaricato dal conte Arturo Cassina – furono depositati i primi 300 milioni del riscatto pagato (un miliardo e 300 milioni) per la liberazione dell'ingegner Luciano Cassina.

Le riunioni da Liggio

1 aprile 1979

 

Le riunioni da Liggio

Il colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo, ucciso dalla mafia il 20 agosto '77 a Ficuzza, non si stancò mai di dire la caccia a Liggio e al suo clan. Fra le varie informazioni che gli giunsero ce n'è una particolarmente interessante: nel periodo di permanenza di Liggio nel Palermitano, padre Agostino Coppola, tra il '71 e il 10 settembre '73 acquistò beni immobili per 49 miliardi e 500 mila lire.

Si costituì allora la "Solitano", una società per azioni che acquistò Piano Zucco cedendolo in affitto a don Coppola e ai suoi fratelli Giacomo e Domenico. Questo nonostante l'impegno assunto dal proprietario del fondo, Giacomo Chiello, con l'agricoltore-allevatore Francesco Paolo Randazzo poi cacciato via a colpi di fucile.

Risulta che Agostino Coppola caldeggiò finanziamenti per la "Solitano" presso la Cassa per il Mezzogiorno ricavandone un utile del dieci per cento. A Piano Zucco, secondo i programmi del tempo, avrebbero dovuto essere avviate un'industria del formaggio e un'altra per l'imbottigliamento dei vini pregiati.

Contemporaneamente alla costituzione della "Solitano" sorsero altre società fra le quali la "Sifac S.p.A." (soci Emanuele Finazzo di Cinisi, Vito Giannola di Cinisi e Antonino Nania di Partinico) e la "Zoo-Sicula RI.SA." (sigla dietro cui va letto il nome di Riina Salvatore, luogotenente di Liggio).

La "Sifac", proprietaria di una cava a Cinisi, si dedicò a forniture di materiale alle ditte impegnate nei lavori edili all'aeroporto di Punta Raisi e all'impresa del conte Arturo Cassina, all'epoca impegnata nella costruzione dell'autostrada Punta Raisi-Mazara del Vallo. C'è una singola coincidenza: l'ingegner Luciano Cassina fu sequestrato il 16 agosto 1972, dopo la prima fornitura di materiale per l'autostrada effettuata il 10 agosto.

La "Zoo-sicula RI.SA." costituita il 5 dicembre 1972 da Franca Migliore di San Giuseppe Jato e da Domenico Farruggia di Sancipirello, era invece impegnata nell'acquisto di immobili. Tra il 26 dicembre 1972 e il 22 dicembre 1973 sono stati comprati terreni ed immobili per 65.850.000 di lire. Tra l'altro, fu comprato un palazzo a San Lorenzo Colli. In un appartamento di questo edificio avrebbe abitato proprio il luogotenente di Liggio, Totò Riina, insieme alla sua compagna, Antonietta Bagarella con cui si sposò segretamente, officiante padre Agostino Coppola, nel maggio '73. Nell'appartamento carabinieri e polizia arrestarono un fratello della Bagarella, Leoluca, trovato armato fino ai denti.

Il colonnello Russo stabilì inoltre che, in contrada Rocche di Rao di Corleone, la "RI.SA." comprò undici salme di terreno, ceduto in affitto per trent'anni, in cambio del compenso irrisorio di 30 salme di frumento all'anno, al corleonese Giovanni Grizzaffi, figlio di Caterina Riina, sorella del latitante Totò. Grizzaffi si sposò a Corleone il 6 settembre '73, per cui la "cessione" deve essere stata un dono di nozze dello zio Totò. Al matrimonio intervennero Giacomo Gambino, Gaetano Carollo, Antonino Ciulla e Francesco Madonia del fondo Gravina.

A MILANO

Luciano Liggio, facendo leva su luogotenenti, manovalanza della delinquenza e protettori organizzò tra la Sicilia, la Calabria e la Lombardia una vasta associazione specializzata soprattutto nei sequestri di persona.

A Milano il "re di Corleone" si stabilì in un appartamento al quarto piano di via Friuli 15. Un vero e proprio "quartier generale" dove si svolsero diverse riunioni di mafia. Con lui convivevano la triestina Lucia Paranzan ed una bambina, forse sua figlia.

La latitanza lo costrinse a ricorrere a travestimenti e a presentarsi sempre con nomi diversi: ora "signor Antonio", ora "Antonio Paranzan", altre volte come "signor Michele Di Terlizzi".

Nonostante la sua attenzione nell'evitare di essere notato frequentò spesso la sala da barba di Antonion Balducci e Pasquale Orsini, la boutique "Try 50" di via Umbria, gestita da Tony Casale, il negozio di frutta e verdura di Franco Gavagna in viale Umbria, il bar Lido in piazza Siparich 4, gestito da Angela ed Aldo Beretta.

La prima riunione a Milano sarebbe stata tenuta a Liggio negli ultimi mesi del 1970. Questo secondo un rapporto del colonnello Russo. Oltre a Liggio vi avrebbero partecipato Totò Riina, Vincenzo Arena, Giuseppe Taormina e Salvatore Gambino. Si sarebbero stabiliti i programmi da attuare, i sequestri, le competenze territoriali di ciascun gruppo della cosca e i settori da controllare e ai quali dedicarsi con maggior profitto.

Il colonnello Russo era convinto che Liggio fosse poi tornato a Milano nella primavera del '71 dopo la scarcerazione di Gerlando Alberti e la soppressione di Vincenzo Conti, soprannominato "Cucca", assassinato a Milano il 4 aprile 1971. A questa seconda riunione avrebbero partecipato Salvatore Riina, Salvatore Enea (poi coinvolto nel sequestro di Graziella Mandalà), i fratelli Bono, Gerlando Alberti, Francesco Scaglione, Vincenzo Arena ed altri.

Russo scrisse allora: 2Non si può sottacere come, ancora una volta, il tempo e il succedersi di nuovi eventi delittuosi, abbiano confermato quanto accertato nelle indagini condensate nel processo ai 114 della mafia nuovo corso. Soprattutto abbiamo ancora meglio delineato i disegni criminosi di una organizzazione criminale che non conosce soste, non ammette insuccessi, aggiorna tempestivamente le sue tecniche, rinnova i propri quadri, estende ai più svariati settori il proprio interesse e la propria sete di lucro".

Ed ancora nel rapporto del 21 maggio '74: "Le prime indagini a Milano – scrisse Russo – danno la conferma dell'esistenza di agguerriti gruppi di mafia cui è da attribuire la ripresa dei sequestri di persona nella Sicilia occidentale e il trasferimento di tale attività in continente".

Fu proprio Russo ad accertare il collegamento tra il gruppo di Liggio ed altre cosche, tra le quali quella calabrese, contattata attraverso il gruppo di Tommaso Scaduto di Bagheria che fungeva da trait d'union con i clan della Lombardia, della Toscana e delle Marche. Collaborava in questi collegamenti Antonino Di Cristina, 45 anni, imputato della strage di Locri.

Il gruppo dei calabresi era composto da famiglie molto note nel gotha mafioso: i Sammarco, i Carone (Sant'Eufemia), i Piromalli (Gioia Tauro). Tra gli altri, anche Vito Gallina, oriundo di Carini, ucciso – secondo i carabinieri – da Girolamo Piromalli e Giuseppe Carbone.

Tra gli amici di Liggio figurano, inoltre, i fratelli Quartararo di Brancaccio, Vincenzo Chiaracarne di Palermo, Damiano Caruso di Villabate, Giacomo Taormina arrestato per i sequestri Torielli e Rossi di Montelera. Altri nomi abbastanza interessanti: Domenico Bacchi di Partinico, Giuseppe Scaduto di Bagheria al soggiorno obbligato a San Colombano al Lambro, in provincia di Milano, Pietro Scaduto di Bagheria, contrabbandiere, Antonio Scaduto di Bagheria ma residente a Novara.

Si parlò di questi personaggi al processo all'"Anonima sequestri" celebrato a Milano. In quell'occasione il colonnello Russo fornì alla magistratura anche una lunga lista di amici di Liggio operanti in diverse città italiane.

Eccola: Francesco Alterno, autista di Palermo, Gerardo Alterno muratore di Palermo, Giuseppe Alterno camionista della borgata Uditore e il figlio Salvatore camionista. Poi: Francesco Anselmo di Partinico ma barbiere a Roma, Gaspare Anselmo impiegato a Roma, Salvatore Anselmo anch'egli di Partinico, studente. Inoltre: Antonino Badalamenti di Cinisi, Natale Badalamenti allevatore di buoi a Cinisi, Gaetano Badalamenti anch'egli allevatore a Cinisi, Giuseppe Bertolino, produttore di vini a Partinico, Alfredo Bono palermitano residente a Milano, Giuseppe Bono residente a Milano, Giuseppe Briguglio di Partinico, Andrea Cataldo di Alcamo, imprenditore edile, Nicolò Cataldo imprenditore edile di Alcamo, Vito Cataldo impiegato comunale a Balestrate, Gaspare Centineo di Partinico. Seguono nomi di rilievo: Agostino, Domenico e Giacomo Coppola di Partinico, Vincenzo Di Giorgio imprenditore edile di Partinico. Gaspare Di Trapani, agricoltore di Partinico.

L'ARRESTO

Quando nei rapporti di carabinieri e polizia si parla di una vasta rete di protezione il riferimento corre a questi ed altri "amici". Non mancarono però – come si è detto – le divisioni. La "triplice alleanza" tra le cosche siciliane, calabresi e lombarde, avvenuta fra il '73 e il '75, provocò in tutto il Paese uno stato di allarme generale. E provocò anche reazioni negli ambienti della mafia tradizionale.

I primi sintomi della guerra tra "mafia nuovo corso" e "vecchia mafia" si erano già avuti nel '71 a Palermo.

Infatti, il 14 settembre '71 a Tommaso Natale venne ucciso Francesco Ferrante, alla ribalta della cronaca giudiziaria sin dagli anni cinquanta. Il corpo di Ferrante fu trovato semicarbonizzato dentro la sua "500". Era guardiano di Villa Boscogrande a Cardillo. Il delitto è rimasto impunito.

Subito dopo, il 30 maggio '72, scomparve in circostanze misteriose un altro uomo della gang di Tommaso Natale, Filippo Pellerito. I due, oltre ad occuparsi del traffico della droga, erano quasi certamente implicati nel seque stro di Giuseppe Vassallo. Con le intercettazioni telefoniche effettuate durante la trattativa per il pagamento del riscatto per la liberazione del figlio del costruttore edile Francesco Vassallo si stabilì infatti che le tre voci registrate corrispondevano a quelle di Giuseppe Scaduto di Bagheria, di Francesco Ferrante e Filippo Pellerito.

La giustizia non fece in tempo ad accertarlo perché la vecchia mafia "punì" i due con una sentenza irrevocabile di morte.

Per la gang di Luciano Liggio le cose erano andate meglio nel Nord. Il "re di Corleone" era coadiuvato dai luogotenenti Totò Riina latitante dal marzo 1970, Bernardo Provenzano, latitante dal 1958, Calogero Bagarella latitante dal 1957, e Leoluca Bagarella. Tutti di Corleone, avevano già all'attivo i sequestri di Luigi Rossi di Montelera, Paul Getty III, Cristina Mazzotti, Luigi Genchini (Milano), Renato Lavagna (Torino), Egidio Perfetti (Milano), Giovanni Bulgari, Saverio Garonzi, Giuseppe Lucchese, Giuseppe Agrati, Baroni.

All'attivo dell'"Anonima sequestri" anche gli omicidi di Vito Gallina di Carini assassinato a Fabriano il 5 febbraio '74 e di Giovanni Gallina, ucciso a Carini il 26 maggio '74. Questo il motivo per cui i due fratelli sarebbero stati giustiziati: Vito Gallina avrebbe rifiutato di offrire la sua collaborazione al progetto del sequestro della figlia del senatore Francesco Merloni, titolare della "Ariston", una fabbrica di elettrodomestici.

Lo avrebbero eliminato due "fedeli" della gang di Liggio, il calabrese Piromalli e Giuseppe Carbone. Proprio gli assassini ai quali Giovanni Gallina tentò di dare la caccia per vendicare il fratello trovando, però, la morte.

Anche le gesta di Luciano Liggio finiscono per registrare una fase discendente. E il 4 luglio '74 l'ex primula di Corleone, con azione a sorpresa della Guardia di Finanza, viene arrestato nel suo rifugio di Milano dove le Fiamme Gialle trovano armi e munizioni di tutti i tipi.

I rapporti tra le cosche sicule e mafia italo-americana

18 marzo 1979

 

I rapporti tra le cosche sicule e mafia italo-americana

Mafia, fenomeno in continua evoluzione, anche nel '78 contraddistinto da una sua peculiarità. Ai delinquenti assassinati nell'ambito della lotta tra cosche, alle mezze cartucce uccise per "regolamento di conti", come dicono gli inquirenti, nel '78, si sono aggiunte alcune morti decisamente atipiche. Delitti che hanno fatto pensare a ristrutturazioni nell'"organizzazione", a lotte intestine per l'attribuzione di cariche direzionali in seno alle "famiglie" di Palermo, delle sue borgate e dei comuni della provincia. Eravamo abituati a registrare, dal lontano 1957, omicidi nell'ambito della guerra di cosche contrapposte: tra "liggiani" e "navarriani", tra seguaci di La Barbera e dei Greco. "Si uccidono tra loro", era il commento dei dirigenti della squadra mobile e degli ufficiali dei carabinieri. Ma nell'ambito di quale guerra si possono collocare gli omicidi di persone come l'avvocato Gaetano Longo, per molti anni sindaco di Capaci, consigliere comunale democristiano, direttore della Banca del Popolo di Palermo, o dell'avvocato Ugo Triolo di Corleone, vice pretore onorario di Prizzi? Difficile – per non dire impossibile – dare una risposta a questa domanda. Anche perché le analisi sulla mafia sono diventate veramente complesse negli ultimi anni. Si pensi, per esempio, alla sua espansione determinata anche dall'indiscriminata applicazione di misure di prevenzione con provvedimenti di soggiorno obbligato in comuni lontani dalla Sicilia: si è finito per esportare mafiosi e delinquenti comuni in tutta la penisola. E si son esportate anche sacche di miseria, di problemi individuali, certamente non risolti dalle 700 lire al giorno previste per i più indigenti.

Si sono così creati vasti strati di diseredati, esposti ad umiliazioni e disagi, facile preda di un'"organizzazione", come si è detto, pronta all'assistenza, alla collaborazione, alla solidarietà. Naturalmente, a patto che a tutto ciò corrisponda disponibilità, rispetto, omertà.

Non si spiega, altrimenti la potenza organizzativa raggiunta da gruppi ai quali fanno capo Luciano Liggio, Gerlando Alberti, i cugini Greco di Ciaculli, Frank Coppola. Personaggi diventati dei veri e propri "simboli" per emarginati che avvertono lo Stato addirittura come espressione di una casta prevaricatrice ed iniqua.

Polizia e carabinieri non avrebbero mai potuto controllare questo gran numero di pregiudicati distribuiti in diverse regioni del Paese. Contemporaneamente si è avuto il perfezionamento dei mezzi di trasporto e di comunicazione. Ciò ha facilitato la ricerca e il consolidamento dei rapporti tra confinati e gruppi di mafiosi stabilitisi sin dagli anni '60 in Piemonte, Lombardo, Lazio, Toscana e Campania per tenere stretti collegamenti con gli italo-americani di "Cosa nostra".

La mafia si evolveva e le forze di polizia restavano con mezzi inadeguati mentre si approvavano leggi buone nel campo dei diritti civili. Ma proprio queste leggi hanno messo in moto un meccanismo perverso. Si pensi alla legge che garantisce la riservatezza delle conversazioni telefoniche, alle innovazioni del codice di procedura penale finalizzate al potenziamento dei diritti di difesa di ogni cittadino ma anche di ogni imputato, alla riforma carceraria con l'introduzione dell'uso del telefono nelle prigioni.

Uomini come Liggio, Coppola, Alberti, Buscetta, pur detenuti, assicurando con il loro prestigio un certo ordine nel carcere hanno goduto in contropartita di privilegi che hanno consentito loro di tenere collegamenti con l'esterno e, soprattutto, con i luogotenenti.

Abbiamo fatto un cenno su "Cosa nostra". I rapporti tra le "famiglie" d'oltreoceano e quelle siciliane si concretizzano nel varo di un programma comune a carattere internazionale formalizzato, o meglio ratificato nelle "assise" di mafia all'albergo Arlington di Binghmantoan dal 17 al 19 ottobre 1956, all'Hotel des Palmes di Palermo dal 12 al 16 ottobre 1957 e ad Apalachin il 14 novembre 1957.

Un rapporto della squadra mobile del 28 luglio '65 mise in evidenza l'intensa attività nel traffico di stupefacenti, valuta e tabacco tra Stati Uniti e Sicilia. Il 31 gennaio '66 vennero rinviati a giudizio per associazione in traffici illeciti Frank Garofalo di Castellammare del Golfo, residente a Palermo, Santo Sorce di Mussomeli abitante a New York, Vincent Martinez di Marsala, Gaspare Magaddino, Diego Plaja e Giuseppe Magaddino, tutti e tre di Castellammare, Giuseppe Corrito di Villabate, ma residente a Los Gatos negli USA, Giuseppe Scandariato di Castellammare, Filippo Gioè Imperiale di Palermo, Frank Coppola di Partinico residente a San Lorenzo in Ardea di Pomezia nel Lazio, Gaetano Russo di Palermo residente a New York, Rosario Vitalità di Taormina, Francesco Scimone di Boston residente a Taormina, Angelo Coffaro di Palermo, Giuseppe Bonanno e Giovanni Bonventre di Castellammare, Giovanni Priziola di Partinico residente nel Michigan, Camillo Galante di New York, Raffaele Quarsano di Detroit, Calogero Orlando di Terrasini.

Precursori di questa nuova associazione siculo-americana erano stati Salvatore Lucania (Lucky Luciano) e Frank Coppola, entrambi espulsi dagli USA, rispettivamente nel '45 e nel '48. Luciano riallacciò rapporti con il palermitano Pasquale Enea, indiziato nel 1909 dell'assassinio del tenente di polizia americana Joseph Petrosino, collegato ad una rete internazionale di contrabbando di droga e ai pregiudicati palermitani Rosario Mancino, Pietro Davì, Giacinto Mazzara e Antonino Sorgi.

Non mancava una ricca documentazione sui collegamenti tra le "famiglie" siciliane e quelle d'oltreoceano: il rapporto dell'americano Mc Clellan, le rivelazioni di Joseph Valachi, le note informative tra polizia italiana e statunitense.

Segni premonitori dell'inizio del traffico di stupefacenti tra Sicilia e Stati Uniti si erano avuti nel giugno del '49, quando la Guardia di Finanza arrestò a Ciampino l'americano Vincent Charles Trupie, un corriere che portava addosso 9 chili di eroina. Avrebbe dovuto consegnarli a Francesco Pirico, un milanese poi catturato.

Altri "segni": il 6 aprile 1951 all'aeroporto Urbe di Roma la Guardia di Finanza arresta l'americano Frank Callaci con 3 chilogrammi di eroina. Lo stesso giorno a Palermo viene bloccato l'italo americano Francesco Callaci, zio di Frank; nel luglio del '51 il nucleo di polizia tributaria di Roma controlla una serie di ditte farmaceutiche del Nord autorizzate al commercio di stupefacenti. Si scopre che dal '48 al '50 cinque ditte (Alfa di Savona, Lodi di Genova, Gastoldi di Genova, Sace e Saipom di Milano) hanno venduto 716 chili di stupefacenti regolarizzando i propri libri di carico e scarico con documenti falsi. Furono coinvolti nel traffico Salvatore Vitale, "Totò il piccolo" di Partinico fuggito in America, Cristofaro Caruso di Palermo, latitante, Agostino Simoncini e Salvatore Torretta di Palermo. Denunciate, al termine delle indagini, 23 persone, tra le quali Frank Coppola, allora latitante.

Chiusa la "fonte" delle farmacie, la mafia tenta di importare oppio dalla Jugoslavia e dalla Bulgaria e di impiantare in Sicilia un laboratorio clandestino per la sua lavorazione. La squadra mobile di Palermo e il nucleo di polizia tributaria delle "Fiamme Gialle" di Roma nel febbraio del '67 presentarono un dettagliato rapporto contro 91 persone. Ci sono tutti i nomi dei boss del ghota mafioso accanto ad altri meno noti. Al processo ne venne allegato un altro scaturito da un rapporto della sezione narcotici della squadra mobile del 23 febbraio '66 contro Gaetano Badalamenti, Giuseppe Bertolino, Pietro Davì, Elio Forni, Salvatore Greco, Angelo La Barbera, Rosario Mancino, Giacinto Mazzara e Antonino Sorci, tutti accusati come i "91" di "traffici illeciti".

A distanza di dodici anni questi processi sono paradossalmente ancorati alla fase istruttoria, dopo un palleggiamento di competenza tra il tribunale di Roma e quello di Palermo. La magistratura romana ha poi ammesso la competenza dei giudici palermitani. Ma gli atti si sono bloccati all'ufficio istruzione di Palermo in attesa che l'indagine giudiziaria prendesse il via. Naturalmente, a distanza di tanti anni, difficilmente l'inchiesta potrà essere avviata, sia per il gran numero di imputati che per tutte le incombenze formali richieste dalla nuova procedura. Tuttavia l'indagine avrebbe consentito un controllo sulla posizione dei boss della droga e, almeno, avrebbe fornito agli inquirenti una mappa aggiornata dei "gruppi" e dei loro capi. Non se ne è fatto niente.

Si tratta di processi ai quali si giunse tra il '65 e il '67, cioè dopo l'esplosione della "Giulietta-bomba" a Ciaculli e qualche anno dopo i rapporti congiunti di squadra mobile e carabinieri che tra il '63 e il '64, denunciarono prima un gruppo di 33 imputati capeggiati da Angelo La Barbera e, successivamente, altre 54 persone capeggiate da Pietro Torretta.

I due processi, abbinati e celebrati presso la Corte di Assise di Catanzaro si sono conclusi con condanne minime per associazione a delinquere e con l'assoluzione per tutti gli imputati, tranne che per La Barbera e Torretta.

Evidentemente squadra mobile e carabinieri sono venuti a conoscenza delle operazioni e dei controlli eseguiti dalla Guardia di Finanza soltanto a distanza di molti anni. Un gran numero degli imputati nei due processi tenuti a Catanzaro figurano nei rapporti delle Fiamme gialle. Se gli inquirenti avessero potuto leggerli nel '60, probabilmente si sarebbe potuto evitare lo spargimento di sangue provocato dalla lotta tra le cosche.

Si sarebbe dovuto costituire un centro misto di controllo della mafia tra polizia, carabinieri e guardia di finanza. Un centro con uno schedario da aggiornare almeno ogni mese per controllare gli stranieri e gli uomini dalla doppia nazionalità.

Il lavoro in comune fra i tre corpi di polizia avrebbe consentito di avviare il tentativo di disciplinare il settore degli autotrasporti e quello dei portuali, settori di cui spesso si serve la mafia per una vasta gamma di attività illecite. E si sarebbero potute controllare le società che spesso costituiscono soltanto il paravento di personaggi ben mimetizzati dietro una sigla insignificante per riciclare denaro sporco, per speculare, o usufruire delle provvidenze che lo Stato e le regioni dispongono per incentivare iniziative industriali e produttive nelle zone depresse.

Page 2 of 3

App Noma

udc1

www.webzoom.it by Nino Pillitteri