Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Decrease font size Default font size Increase font size

Habemus Papam

Storie di mafia tra realtà e finzione

di Giuseppe Francese

16 ottobre 1978: dopo l'ottava fumata nera, finalmente fuoriesce la tanto attesa fumata bianca.

Habemus Papam: Karol Wojtyla.

Quello stesso giorno in Sicilia, alcuni uomini di 'cosa nostra' commentano l'avvenimento davanti alla televisione:

Totò: picciotti ficiru u Papa polacco. Sapiti chi vi dico? Nuatri in Sicilia facemu u papa 'Greco'.

Ciccio: Totò ma chi senti dirí?

Totò: Ciccio mà capiri a menza parola quannu parru, ti dissi ca facemu un papa in Sicilia: sentu diri chi numinamu presidente della'cupola"u Greco: Michele Greco. Ciccio: ma picchi propriu a iddu? E Tano?

Totò: picchi, picchi, quanti dumanni. A Tano un ci pinsari, chiddu s'arricchieva e a nuatri ni dava pitittu. Si un fussi pì Binnu chi favi a cori, fussi già all'avutru munnu. Ciccio: ma si lu volevi mortu'o Greco picchi era sempri daccordu cu li 'palermitani'. E ora lu voi nominari presidente? Ma ti vuoi spiegari megghiu?

Totò: Ciccio, Ciccio, ma proprio tutto tà spiegari. Ti scurdasti i quattru bummi o tritolo chi ci f cimo metteri all'Addaura 'u 10 febbraio ru 1978, o tiro a volo, unni iddu s'avvantava d'esseri u fundaturi ru tiro a segnu, insemmula ad avutri pirsuni assai putenti: baroni, imprendituri.

Ciccia: appuntu. Mi facisti rubari puru lu so' fucile ca chiddu ci tineva assai. E ora tu u voi nominare presidente?

Totò: Talé, un mi fari pinzare addu iornu, picchi sulu pi lu rispetto ca ti portu un ci fci rumpiri Possa a to figghiu.

Ciccio: cà picchi?

Totò: comu picchi, amo fattu iccari bummi a decini e decini, a destra e a manca e sempri 'Ordine nuovo' amo statu, ora arrivò to figghiu e tutta in ta nà vota addivintò comunista: "Le Brigate Rosse siamo!" Ciccio tu u sai quannu i Brigate Rosse hanno usatu u tritolo?

Ciccio: quannu? Totò: mai!!!

Ma forsi sto fattu fici cchiù confusioni chi avutru. Vinni Saro chi vuleva cuntu e ragioni di sti' brigatistí chi misiru i bummi &intra lu so' territorio?

Ma secunnu tia u' capiu chi fummu nuatri? E poi con stì bummi 'o tiro o picciune pigghiamo du piccioni co una fava: avvisamo "u Greco" e ci facemo accapiri ai carabinieri chi sti rapporti su u "caso Russo" un ci piaciono ( Dossier Carabineri sul caso Russo presentato il 10/02/78)

Ciccio: secunnu mia se, ma si scanta puro a domandari. Ora però ma spiegari picchi a' nominaci propriu 'u Greco'.

Totò: avi di quanni ci misimu i bummi all'Addaura chi iddu capiu l'antifona. Quannu l'incontru è sempre a disposizione. Si 'nni tiramu puru a iddu, avemu la maggioranza in commissione.

E poi vogghiu risolvere un'avutra questioni: c'è du' giornalista ru'Giornale di Sicilia' chi avi anni e anni chi rumpi i scatuli cu li soi articuli. Ammatula ci facemu arrivaci ambasciati chi unn'avi a scriviri cchiù contru la mafia, chiddu sinni futti, e scrivi cchiù peggiu di prima. Ora nuatri facemu abbruciri la villa ru so' capocronista. Ciccio: picchì propriu ru capocronista?

Totò: tantu paccuminciari, picchì fa pubblicari sti' pezzi chi attaccanu sempri la mafia e poi picchì accussì si calmano 'nanticchia. Ma pi' fari sta cosa mi servi anche lu cunsensu 'ru Greco chi avi a villa vicinu a chidda ru capocronista.

"E ora picciotti, isati sti' bicchieri ri vinu e brindamu alla cupola e 'o nostro papa".

Otto giorni dopo, il 24 ottobre 1978, viene data alle fiamme la villa del capocronista del 'Giornale di Sicilia'­

Novembre 1978:

Totò: Michele comu sì?

Michele: tutto a posto e tu chi mi cunti di bellu.

Totò: ni sti Torna ebbi na' pinsata e vulissi sapiri la to' opinioni. Tu u' sai la stima, la firucia e lu rispettu chi ti portu.

Michele: certu e ti ni sunnu gratu.

Totò: Michele un taliari in terra, taliami rintra Tocchi picchì tà dici una cosa impurtanti.

Michele: chi c'è daccussì impurtanti chi ma diri? Totò: Michele, tu da nuvembri si u' papa.

Michele: Totò ma chi dici, è veru ch'io ogni tantu leggiu u Vangelo, ma p'addivintari papa ci 'nni vuoli.

Totò: no Michele m'accapiri. Io ti nomino 'papa': significa chi ri stu mumentu tu si u' presidente della cupola.

Michele: e Tano?

Totò: tu non tà preoccupaci ccà a iddu un ci succeri nienti. Michele: e l'avutri chi 'nni pensanu?

Totò: o su daccordu o li facemu accurdari. Michele t'ummagini tu presidente dintra a Favarella. Ogni decisioni a pigghiamu insemmula e vogghiu vidiri Tocchi di cu è cuntrariu. Anzi t'addumannari subitu un favuri. A dicembre vulissi purtari in commissione la decisione di un omicidio impurtanti e mi servi soprattutto a to' benedizione. Ci sunnu cosi chi nun si ponnu cchiù rinviari: m' accapin.............. Michele: Totò è cosa fatta e t'assicuru ca sopra stu delitto ci facemmu mettici subitu 'na petra supra e nun sinni' saprà cchiù nienti.

Il 26 gennaio 1979 viene ucciso il giornalista del 'Giornale di Sicilia', Mario Francese

Ma torniamo per un momento a quel 16 ottobre 1978:

Mario, quel giornalista "rompiscatole", che con le sue inchieste denunciava gli intrallazzi e i subdoli affari della mafia nella gestione dei grandi appalti, quel giorno, alla stessa ora, sta guardando la televisione. Anche lui attende la fatidica fumata bianca. In quei giorni Mario è ricoverato all'ospedale di Corleone per accertamenti clinici. Tre anni prima in quello stesso ospedale gli era stato asportato un rene. Appena un mese prima viene colto da un infarto e ricoverato all'ospedale Civico di Palermo. Poi di nuovo a Corleone per accertare la funzionalità dell'unico rene rimastogli. Ma lui con la sua voglia di vita e con la sua allegria è li a festeggiare, insieme ai medici (che dato il lieto evento gli hanno autorizzato un piccolo brindisi). Mario, con il suo bicchierino di spumante rivolto verso l'alto, continua a ripetere con gioia: "Habemus Papam: Karol Wojtyla, il Papa polacco".

Mario forse ha già capito che quelli sono i suoi ultimi giorni di vita, ma non rinuncerà mai, fino all'ultimo, al suo mestiere e al suo sorriso: anche se quel sorriso ci appariva un po' più triste.

Giuseppe Francese

Per una migliore intelligenza dei fatti, si riporta il lettore all'articolo dal titolo: "I misteri della mafia degli anni 70", pubblicato sul n.9 di antimafiaduemila del gennaio 2001: vedi sito www.antimafiaduemila.com

App Noma

udc1

www.webzoom.it by Nino Pillitteri