Decrease font size Default font size Increase font size

sale1mf

sale3news

Giuseppe306x150rit

Vent’anni senza Giuseppe Francese, il ricordo a Palermo: “Vive ancora con noi” – il video

Nel ventennale della sua scomparsa, si è svolta nel capoluogo siciliano una manifestazione culturale per ricordarlo
Ha speso la sua vita a lottare per la verità e ci ha lasciato un messaggio molto importante, troppo spesso dimenticato: mai rassegnarsi. Ma la lotta, è risaputo, logora.
Questa in breve è la parabola di Giuseppe Francese, che aveva solo 12 anni quando Mario Francese fu ucciso dai mafiosi, e lottò poi con determinazione per portare alla sbarra gli assassini del padre, riuscendoci.

Giuseppe Francese, il ricordo di Giulio
“All’inchiesta prima e al processo dopo mio fratello dedicò tutte le sue energie per ottenere verità e giustizia per mio padre, cronista del ‘Giornale di Sicilia’ ucciso dalla mafia di Totò Riina il 26 gennaio del 1979, una morte inghiottita dall’oblio per troppo tempo”, scrive il giornalista Giulio Francese, attualmente consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

“Un silenzio al quale Giuseppe si è opposto con tutte le sue forze, non rassegnandosi, ma addentrandosi tra gli scritti di mio padre per cercare un filo che portasse alla verità. Obiettivo raggiunto con la riapertura, dopo 20 anni, dell’inchiesta, cui diede un grande contributo. Seguì il processo e la condanna dei boss di Cosa nostra. Poco tempo dopo Giuseppe decise di porre fine alla sua esistenza”.

 

L’evento a Palazzo Montalbo
Nel ventennale della sua scomparsa, avvenuta il 3 settembre del 2002, si è svolta una manifestazione culturale per ricordarlo dal titolo “Quella luce negli occhi quel bisogno di verità”, tenutasi ieri, nel giorno del compleanno di Giuseppe, nella sede de "Centro Regionale per la progettaziome e il Restauro", dentro Palazzo Montalbo.

L’evento, presentato Salvatore Cernigliaro, è stato organizzato dalla famiglia, dall’associazione “Uomini del Colorado”, dalla cooperativa Solidaria e dal Comitato Educativo della VI Circoscrizione del Comune di Palermo, in collaborazione con l’assessorato ai Beni Culturali della Regione Sicilia, il Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro, diretto dalla dottoressa Alessandra De Caro, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.
Le iniziative svolte
Hanno partecipato gli amici di Giuseppe, giornalisti, avvocati, il presidente del Tribunale di Palermo, Antonio Balsamo, che fu il relatore della sentenza del processo di primo grado contro gli assassini di Mario Francese, e la pm di quel processo, Laura Vaccaro, oggi procuratrice aggiunta di Palermo.

L’attore Salvo Piparo ha letto magistralmente due articoli scritti da Giuseppe, che tra ironia e crudo realismo, ha raccontato la mafia con la preoccupazione nel cuore di una sua possibile sconfitta. L’architetto Rossella Giletto e Padre Michele Stabile hanno esposto le iniziative svolte nel nome di Giuseppe ed è stata allestita una mostra fotografica “Sguardi oltre il disagio” di Nino Pillitteri e Massimo Francese.

Search

facebook-icon twitter-icon google-plus-icon

legalita logo sito 152x50

 logo liberapalermo
liberapalermo

libera

Solidariao

ossigeno

App Noma

udc1

www.webzoom.it by Nino Pillitteri