Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Decrease font size Default font size Increase font size

sale1mf

sale3news

Giuseppe306x150rit

Ad Abbate e Angeli il premio Francese

L'inviato de L'Espresso Lirio Abbate e la cronista di Repubblica Federica Angeli sono i vincitori della XVII edizione del Premio giornalistico intitolato a Mario Francese, cronista giudiziario del Giornale di Sicilia, ucciso dalla mafia il 26 gennaio 1979. Entrambi si sono occupati, sotto profili diversi, dell'inchiesta Mafia Capitale, che ha scoperchiato la pentola delle infiltrazioni mafiose e della corruzione nella pubblica amministrazione di Roma.

Il premio dedicato ai giovani giornalisti emergenti, in memoria di Giuseppe Francese, è stato invece assegnato al cronista politico di Livesicilia.it, Accursio Sabella.

Altri riconoscimenti saranno assegnati pure alle redazioni di Tgs e Telecolor, storiche emittenti televisive alle prese con la crisi economica, e a quelle del settimanale “Centonove”, per non avere mai smesso di smascherare il malaffare e la malapolitica, e del giornale online “Tempo Stretto”, che ha difeso la libertà di informazione da tentativi di censura di esponenti dell’amministrazione comunale messinese, oltre ad altri giornalisti. La consegna dei premi si svolgerà nell’aula magna della prestigiosa e antica sede del liceo classico Vittorio Emanuele II, in via del Collegio di Giusino a Palermo, oggi succursale dell’istituto, lunedì 9 febbraio, a partire dalle 9. “La libertà comincia dall’ironia” sarà il titolo della manifestazione organizzata dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, da quest’anno assieme all’associazione Uomini del Colorado, il cui nome è ispirato al celebre saluto di Francese al momento di lasciare la redazione.

La scelta di Lirio Abbate e Federica Angeli per il premio Mario Francese e di Accursio Sabella per il premio Giuseppe Francese riconosce la qualità, l’originalità e l’importanza del contributo che i tre colleghi, due siciliani e una romana, hanno dato all’informazione e alla crescita culturale e democratica del nostro Paese – afferma il presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, Riccardo Arena -. Riteniamo che sia una scelta di qualità per l’importanza del lavoro di Lirio sulle ‘altre mafie’ che purtroppo ormai affollano tutta l’Italia; riguardo a Federica per il coraggio con cui ha affrontato le inchieste su una criminalità pervicace quanto poco conosciuta come quella della Capitale. L’aspetto relativo ad Accursio affronta un contesto diverso e dimostra che la capacità del cronista di mettere a nudo il potere, quali che siano le persone che ne vestono i panni, talvolta è importante quanto indagare sul malaffare e sulla criminalità ‘pura’”.

All'evento parteciperanno anche Salvo Ficarra e Valentino Picone, artisti impegnati da sempre ad evidenziare, attraverso il sorriso, le ingiustizie e i paradossi della Sicilia e dell’Italia: con la loro ironia, nei giorni successivi all’attacco alla redazione di Charlie Hebdo, faranno riflettere gli studenti sull’importanza della libertà di espressione e di denuncia. Oltre a esibirsi in alcuni brani, interverranno anche il leader dei Tinturia, Lello Analfino, e il rapper palermitano Othelloman, autori, assieme a Marco Ligabue, del video “Il silenzio è dolo”, che verrà proiettato per gli studenti. La clip è ispirata alla storia del contestato sorteggio con cui sono stati selezionati gli scrutatori per le recenti elezioni europee nei seggi di Villabate: fatto che ha portato alle dimissioni di sindaco e giunta. Durante la manifestazione, presentata dai giornalisti Salvo Toscano ed Elvira Terranova, sarà ricordato anche Francesco Foresta, recentemente scomparso, direttore e fondatore del quotidiano online “Livesicilia.it” e dei periodici “I Love Sicilia” e “S”, ma anche a lungo sostenitore del premio Francese. A leggere la lettera che ha scritto per i suoi colleghi sarà l’attore Salvo Piparo, pure lui impegnato nel dibattito con gli studenti. Una targa sarà consegnata alla vedova di Foresta, Donata Agnello. Nell’ambito della manifestazione si svolgerà anche una rappresentazione teatrale dell’associazione Uomini del Colorado, curata da Silvia Francese, nipote di Mario, e il dibattito dal titolo “L’inchiesta che sbroglia … la Matassa”. Interverranno i giornalisti Felice Cavallaro e Gaetano Savatteri.

La giuria del Premio di giornalismo Mario Francese ha assegnato un riconoscimento speciale a Leone Zingales, grande amico della manifestazione, giunta alla sua XVII edizione. Leone - questa la motivazione - e' stato "infaticabile nel ricordo di tutte le vittime di mafia e dei giornalisti in particolare. Ha  offerto un importante contributo alla crescita della cultura della Memoria come presidente dell'Unione cronisti di Sicilia, in produttiva sintonia con l'Ordine regionale dei giornalisti".

Ospitare il Premio Mario Francese per la nostra scuola rappresenta un grande onore – afferma Rita Coscarella, dirigente Scolastica del Liceo classico Vittorio Emanuele II -. In primo luogo perché ci offre l'occasione per ricordare il lavoro e il sacrificio di un cronista serio, impegnato e onesto, la cui vicenda umana e giudiziaria è stata rimossa per troppi anni. In secondo luogo apre la prospettiva di un collegamento con le scuole e di conseguenza la possibilità di una partecipazione attiva delle studentesse e degli studenti al Premio stesso e anche oltre la cerimonia di premiazione di quest’anno”.

Search

facebook-icon twitter-icon google-plus-icon

legalita logo sito 152x50

 logo liberapalermo
liberapalermo

libera

Solidariao

ossigeno

App Noma

udc1

www.webzoom.it by Nino Pillitteri